Seleziona la lingua

Resta sempre aggiornato sul mondo Sleepacta :

Sonno e Salute

Sapevi che dormire bene rinforza il tuo sistema immunitario?

Home > News > Sapevi che dormire bene rinforza il tuo sistema immunitario?
Sick young Asian man blowing his nose while sitting on bed at ho

Se è ben noto come il sonno favorisca il consolidamento sia della memoria dichiarativa (ovvero l’apprendimento di nuove informazioni) sia della memoria procedurale (ovvero l’esecuzione di particolari sequenze di movimento, come suonare uno strumento musicale o praticare uno sport), lo studio pubblicato da Besedovsky e colleghi evidenzia come il sonno possa favorire anche il consolidamento della memoria immunologica, ovvero il meccanismo per cui un organismo è in grado di rispondere in maniera più efficace a un’infezione che ha già contratto.

Sia nel sistema immunitario che nel sistema nervoso centrale, la formazione di un ricordo attraversa tre fasi: acquisizione, consolidamento e richiamo. L’acquisizione è la fase di primo contatto con la nuova informazione. Per il sistema immunitario, l’informazione è rappresentata dalle molecole presenti negli agenti infettivi, ovvero gli antigeni. Durante l’infezione, le cellule che presentano l’antigene (APC, Antigen Presenting Cells) hanno la funzione di riconoscere, processare e presentare l’antigene alle cellule responsabili della memoria immunologica a lungo termine: i linfociti. Così come nel sonno avviene il trasferimento nella memoria a lungo termine (consolidamento) delle informazioni acquisite durante la veglia, anche la presentazione dell’antigene è favorita nel sonno. Al termine dell’infezione, i linfociti rimangono quiescenti nei linfonodi e nel midollo osseo, disponibili per un eventuale richiamo: quando lo stesso agente infettivo tenterà nuovamente di invadere l’organismo, i linfociti della memoria potranno innescare una risposta immunitaria più rapida ed efficace. In ultima analisi, il sonno favorisce la risposta immunitaria rendendo più efficiente il consolidamento della memoria immunologica.

Le implicazioni cliniche di questo processo fisiologico sono particolarmente evidenti negli studi sulla vaccinazione. I vaccini contengono infatti molecole che hanno capacità antigienica: senza causare malattia, stimolano il sistema immunitario come farebbe un batterio o un virus e garantiscono una risposta pronta ed efficace in caso di infezione. Il sonno migliora tale risposta favorendo la memorizzazione dell’antigene vaccinale.

Placeholder autore articolo
Alessandro Colitta

Fonte: Besedovsky L, Lange T, Haack M. The Sleep-Immune Crosstalk in Health and Disease. Physiol Rev. 2019 Jul 1;99(3):1325-1380. doi: 10.1152/physrev.00010.2018. PMID: 30920354; PMCID: PMC6689741.